Messina Gay: La guida completa della città e dintorni

Messina Gay blog babaiolaCosa vedere a Messina? Beh possiamo ammirare il Ponte sullo stretto. Mettiamo da parte l’ironia, perché Messina nonostante il terremoto di inizio ‘900 e i bombardamenti degli Alleati durante la Seconda Guerra Mondiale che la distrussero, ha tanto da offrire. Grazie alla sua posizione strategica è stata una colonia greca e poi romana. Anche dopo l’Impero ha mantenuto un ruolo importante in Sicilia, la nobiltà ha costruito bellissimi Palazzi Signorili. Parte di tutta questa arte, storia e cultura è ancora presente e testimonia, ancor oggi, quanto questa città sia affascinante. In basso, presentiamo la Messina Gay.

Locali Gay:

Dreams Cafè. Si trova in via Felice Bisazza (Piazzetta Padre Pio). È un cocktail bar Friendly, organizza abbondanti e gustosi aperitivi ed è il punto di ritrovo per la comunità LGBTQ+ di Messina.

OMD Messina. È una serata LGBTQ+ che si tiene il Sabato al CUBE Disco Club, mentre in estate si trasferisce al M’ama Club. Per restare aggiornato sui loro eventi, basta consultare la Pagina Facebook di OMD.

Spiagge friendly:

Messina Gay blog babaiolaLa spiaggia delle Rocce Bianche è una spiaggia libera a Spisone, vicino Taormina in provincia di Messina. È una spiaggia naturista, aperta a tutti. Per arrivarci si prende l’uscita per Taormina dall’autostrada Messina – Catania. Si esce per Taormina mare, allo stop si gira a sinistra e lì si cerca parcheggio. Fondaco Parrino si trova tra Letojanni e Sant’Alessio, sempre vicino a Taormina. È frequentata da naturisti, persone LGBTQ+ locali e turisti. Si raggiunge il Campeggio Paradise, che si trova all’uscita dell’autostrada di Taormina verso Letojanni.

Strutture Friendly:

Isoco Guest House. Si trova a Taormina, in pieno centro e con una splendida vista panoramica sulla costa di Letojanni fino al capo Sant’Alessio e sulla costa della Calabria. Le camere sono dedicate a diversi artisti e hanno vista sul mare, inoltre essendo poche garantiscono totale discrezione. Dalle camere si accede al giardino mediterraneo con alberi da frutta e fiori, come agrumi ed oleandri e qui sono distese le amache che insieme alla vasca idromassaggio creano un perfetto clima di relax. La struttura si trova in un ottimo punto strategico per fare escursioni sull’Etna, nelle Gole dell’Alcantara, Agrigento, a Siracusa o alle Isole Eolie.

Un consiglio?

Se vai a Messina prova la Pignolata. La leggenda narra che la pignolata nacque nella cucina di un convento di suore che preparavano dolci da regalare alla popolazione durante le celebrazioni, utilizzando pinoli fritti amalgamati col miele. Ma quell’anno, le suore non avevano pinoli e decisero di sostituirli con la pasta all’uovo. Nel 1516 Carlo V D’Asburgo ereditò la Sicilia, e i nobili spagnoli chiesero ai pasticceri messinesi di sostituire il miele con la glassa al limone e al cacao. Ma, cos’è la Pignolata? Vai a Messina e scoprilo.

Vuoi scoprire altre città della Sicilia? Leggi la guida su Catania, Palermo e la sua Sauna.

Staff

Staff

Babaiola è una community dedicata ai viaggiatori LGBT+, dove si possono pianificare le vacanze e conoscere tanti viaggiatori LGBT provenienti da tutta Europa. Lo staff propone solo destinazioni e informazioni LGBT-friendly.