CorAcor

CorAcor: ospiti in esclusiva  il primo e unico coro LGBT del Sud che ha raccolto un fiume di applausi sul palco di Italia’s Got Talent edizione 2017. Otto i talenti dalla voce straordinaria che hanno recitato ‘A città e Pulecenella’. È un progetto musicale dell’associazione i Ken ONLUS. Il progetto invita le persone ad aggregarsi intorno alla cultura musicale, al fine di promuovere la cultura delle differenze e per dare visibilità a persone di diverso orientamento sessuale.corAcor blog babaiola

Vi va di parlarci un po’ di come è nato questo gruppo e quale genere musicale vi ha ispirato?

Il CorAcoR – Napoli Rainbow Choir, è il coro arcobaleno di Napoli, ed è un progetto musicale dell’associazione di promozione sociale LGBT i Ken O.N.L.U.S. diretto dal M° Marco Traverso. Ad oggi è l’unico coro LGBTQ* del Sud Italia e del Sud Europa. I nostri modelli di ispirazione sono i grandi cori LGBT Americani di San Francisco, Los Angeles e Chicago. 

Perché avete scelto come nome “CorAcor”?

CorAcor è un gioco di parole, che nella nostra lingua Napoletana vuol dire essere insieme, vicini, tanto vicini da sentire i palpiti dei cuori. E’ una frase che ritorna spesso anche in molte delle nostre canzoni napoletane.corAcor blog babaiola

Si è letto sui giornali della vostra partecipazione ad Italia’s Got Talent!

L’esperienza ad Italia’s Got Talent è stata emozione pura. Confrontarsi con il pubblico in sala è per noi sempre emozionante, ci da una carica fortissima, ma sapere di essere visti da milioni di persone a casa prima e dopo anche sui social network è una sensazione indescrivibile. 

E’ possibile saperne qualcosa in più?

Nina Zilli adora le canzoni classiche napoletane, Bisio era senza parole lo abbiamo”stupetiato” (frastornato), Frank Matano entusiasta. 

In qualità di progetto canoro, come vi trovate a Napoli?

Come dice Sofia Loren in un famoso film “nascere è un caso” e noi per fortuna siamo nati a Napoli, città del bel canto, fondata da una sirena di cui ancora oggi portiamo il nome, amiamo definirci Partenopei più che Napoletani.corAcor blog babaiola

Napoli è sempre Napoli!

Napoli offre molte possibilità dal punto di vista artistico e musicale. Fonte di grandi ispirazioni da secoli, per artisti di ogni genere. Napoli è un eterno viaggio, non ti stanchi mai di vederla, è talmente articolata che nonostante ci siamo nati ( e tu Giuseppe ne sai qualcosa) ancora ci sono luoghi che non conosciamo.

Una delle vostre canzoni è stata ispirata da una vacanza o viaggio, per voi, significativo?

Durante un nostro viaggio a New York per esempio. Eravamo a Time Square e c’era il gelo -12°. Cosa per noi inspiegabile visto che veniamo da “‘O Paese do sole”, per cui come dice un vecchio detto ” canta che ti passa” cominciamo a cantare proprio lì a New York una canzone che ancora non era in repertorio che era proprio ” ‘O Sole mio “. Il freddo non cessò ma i passanti apprezzarono moltissimo e cantarono con noi questo inno Italiano.

Ci dedichereste una brevissima canzone?

Vogliamo salutarvi dedicandovi una delle nostre canzoni preferite che con orgoglio portiamo sempre nei nostri concerti. Una versione struggente di una canzone il cui testo denuncia il malaffare che “mortifica” la città, a fronte delle tante bellezze di Napoli. potete ascoltarla al link seguente https://youtu.be/fw_8P0CmT0o

CorAcor: una lotta per i diritti fatta in coro e con il cor!

 

Staff

Staff

Babaiola è una community dedicata ai viaggiatori LGBT+, dove si possono pianificare le vacanze e conoscere tanti viaggiatori LGBT provenienti da tutta Europa. Lo staff propone solo destinazioni e informazioni LGBT-friendly.